Tutto il voto è palese – La nuova legge elettorale sbarca alla Camera (parte 2)

La seconda giornata del disegno di legge elettorale presentato all’Assemblea della Camera dei Deputati potrebbe averne segnato il destino. Diversi esponenti delle principali forze politiche dichiarano apertamente che non vi sono più le condizioni politiche per la sua approvazione.

Eppure, il “fattore scatenante” di questo brusco dietrofront è legato ad un emendamento che avrebbe inciso in maniera solo marginale sull’intero impianto.

 

 

 

 

 

 

 

Ma allora perché la legge elettorale è “a rischio”?

Facciamo un passo indietro.

Come spiegato nel post precedente, solo pochi giorni fa, il 6 giugno 2017, il disegno di legge, dopo essere stato esaminato in Commissione che ne aveva redatto un “testo unificato”, veniva presentato all’Assemblea della Camera dei Deputati per essere discusso. Rispetto al testo presentato dalla Commissione, i quattro gruppi parlamentari più numerosi (Partito Democratico, Movimento 5 Stelle, Forza Italia e Lega Nord) avevano trovato un accordo per l’approvazione di una serie di emendamenti che avrebbero inciso in maniera significativa sul testo, delineando un sistema elettorale che avrebbe dovuto ricalcare il “modello tedesco”.

Nella giornata di ieri, tuttavia, durante la discussione di un emendamento presentato dalla deputata Biancofiore (e che in base all’accordo tra i quattro gruppi non avrebbe dovuto essere approvato) si è verificato un “incidente di percorso”.

L’emendamento in votazione riguardava la ripartizione dei seggi in Trentino-Alto Adige (che storicamente avviene con modalità diverse rispetto al sistema elettorale nel suo complesso, volte a garantire la tutela delle minoranze locali e, proponendo di sostituire il meccanismo uninominale “puro” (appunto, riservato ai collegi di questa regione), con un sistema a base proporzionale. L’attuale sistema uninominale è volto a garantire la tutela delle minoranze del posto, e favorisce l’attribuzione di seggi a partiti fortemente localizzati, come la Südtiroler Volkspartei (SVP).

Durante la votazione dell’emendamento, sul quale era stato richiesto il voto segreto (a norma dell’art. 49 del regolamento della Camera dei Deputati), a causa di un errore umano è stata attivata la procedura per il voto “palese”. In altre parole, durante le operazioni di voto, è stato mostrato il tabellone che mostra come i singoli deputati stavano votando. La “svista” è durata pochi secondi, ma comunque sufficienti per mettere allo “scoperto” il voto favorevole dei deputati del Movimento 5 Stelle.

Ma c’è di più: nonostante il voto favorevole dei deputati del M5S, l’emendamento – conti alla mano (e led rossi davanti agli occhi) – sarebbe stato comunque respinto.

Eppure è andata diversamente. Immediatamente dopo la “secretazione del voto” (i led colorati che rappresentavano voti favorevoli e contrari sono diventati tutti dello stesso colore), alcuni deputati (circa un centinaio) hanno cambiato il proprio voto da “contrario” a “favorevole”.

In altre parole, oltre ai deputati del Movimento 5 Stelle (che hanno espressamente confermato di aver votato a favore dell’emendamento), numerosi altri deputati, coperti dal secretazione del voto, hanno disobbedito alle direttive ufficiali dei propri gruppi di appartenenza.

Lo scambio reciproco di accuse che ne è seguito, può considerarsi forse, più che una conseguenza del voto di ieri, un sintomo della debolezza dell’accordo tra le forze politiche.

In ogni caso, dopo quella votazione, l’Assemblea ha deliberato di rinviare il disegno di legge in Commissione. E il calendario è tutto da rifare.

E la legge, anche.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...